21 novembre 2013

Giappone: installati 3,54 GW grazie agli incentivi del fotovoltaico

Da quando sono state introdotte le tariffe incentivanti, nel luglio 2012, il Giappone ha installato 3,54 GW di nuova potenza rinnovabile. La gran parte è fotovoltaico residenziale e non residenziale.

Il METI, il Ministero delle Attività produttive giapponesi, ha rilasciato gli ultimi dati disponibili sulla potenza rinnovabile installata in Giappone. Lo spartiacque è il luglio dell’anno scorso, quando sono stati introdotti robusti incentivi per stimolare la sostituzione del nucleare con le energie pulite.
Nel dettaglio, leggendo i dati si scopre che il Giappone ha molte rinnovabili installate già prima degli incentivi: 2,6 GW di eolico, 9,6 GW di idroelettrico, 2,3 GW di biomasse e 5,6 GW di solare (tra residenziale e non residenziale). Dopo l’introduzione degli incentivi si è sviluppato soprattutto il fotovoltaico, che oggi rappresenta ben oltre il 90% della potenza incentivata in Giappone.
Oggi risultano incentivati in Giappone 3,51 GW di fotovoltaico su 3,54 GW di impianti rinnovabili con tariffa incentivante, praticamente si può dire che il programma di incentivi è stato monopolizzato dal solare. Non è strano, quindi, che il Governo abbia aperto gli occhi sui progetti troppo in ritardo ma già incentivati.
Al contrario: i dati appena diffusi altro non sono che la correzione, al ribasso, di alcuni dati precedenti pubblicati a ottobre. E’ possibile che alcuni progetti di impianti assai poco realizzabili, presentati al METI solo per ottenere gli incentivi, siano stati abbandonati successivamente alla presa di posizione forte del Governo giapponese.

Fonte: Greenbiz.it