22 maggio 2014

Efficienza energetica: A Francoforte il primo ospedale passivo

La clinica Hoechst sorgerà al posto di un vecchio nosocomio. Pensata con criteri di risparmio energetico sarà la prima struttura medica certificata in Europa.

Nascerà a Francoforte, nel distretto di Hoechst, il primo ospedale al mondo costruito con criteri di edilizia passiva: efficienza e risparmio energetico, abbattimento dei consumi, basso impatto ambientale. La clinica Hoechst, questo il nome della struttura, sarà realizzata sulle fondamenta di un vecchio nosocomio, ristrutturato con l’obiettivo di ridurre la domanda di elettricità e allo stesso tempo migliorare il confort dei pazienti e del personale medico che ci lavorerà.

Gli standard di edilizia passiva saranno accertati e certificati dal Passivhaus Institut di Darmstadt, l’ente indipendente tedesco che si occupa di questa materia.

 

MACCHINARI, COMPUTER: LA SPESA ENERGETICA DEGLI OSPEDALI

Gli ospedali sono edifici particolarmente energivori. Il riscaldamento è solo una delle voci del bilancio energetico di queste grandi strutture, aperte tutti i giorni tutto il giorno. Migliorare l’efficienza energetica sia per l’illuminazione dei locali che per il funzionamento di computer eapparecchiature mediche consente di tagliare i consumi e allo stesso tempo ridurre il fabbisogno per attività complementari, come il raffreddamento dei macchinari che si surriscaldano.

 

COIBENTAZIONE E RISCALDAMENTO

Innanzitutto è stata pensata la coibentazione dell’edificio. Mantenere il calore all’interno delle stanze e quindi limitare le dispersioni è fondamentale in un ospedale, dove la temperatura interna deve essere mantenuta tra i 22 e i 23 gradi centigradi. Allo stesso modo è importante riutilizzare l’energia dispersa; stando a uno studio presentato ad aprile nel corso della Conferenza internazionale sull’edilizia passiva di Aquisgrana, gli interventi di riduzione del fabbisogno energetico devono comunque essere considerati prioritari rispetto alle misure per riutilizzare l’eventuale dispersione di calore. La ricerca dimostra anche che rendendo più efficienti i sistemi di riscaldamento dell’aria, dell’acqua e di ventilazione si possono tagliare i consumi energetici della metà.

La clinica Hoechst sarà realizzata secondo gli standard del Passivhaus Institut anche alla luce di un accordo tra la città di Francoforte e l’ente di ricerca. Una volta inaugurata, sarà il primo ospedale passivo certificato dall’ente tedesco in Europa.

Fonte: www.energiesensibili.it